Ninna Nanna di Brahms - Favola in Musica

Un classico delle ninne nanne, che ha continuato per quasi due secoli a far addormentare lieti i bambini di tutto il mondo, passando dalla versione unica in pianoforte, come fu composta da Johannes Brahms (chiamato semplicemente Brahms), fino ad arrivare alle versioni melodicamente più ricche, supportate dal testo originale che, dal tedesco, è stato tradotto in diverse lingue.

La ninna nanna di Brahms non ha un proprio nome, non è chiamata neanche ninna nanna, bensì è una sonata numerata, come la maggior parte delle opere del compositore tedesco, che numerò gran parte delle sue opere distinguendole semplicemente in base al genere, dunque il valzer, le ballate o le danze popolari, le rapsodie e i preludi, e ne sono una vera infinità. Per molti, Brahms è il successore di Beethoven.

La sonata che sarebbe popolarmente la ninna nanna di Brahms, è la numero 4 dell'opera 49, composta nel 1868. Il testo originale non è di facile comprensione, neanche per coloro che sono di madrelingua tedesca, essendo ispirato al linguaggio medioevale, per questo può differire da località a località, secondo le traduzioni nelle varie zone geografiche. Anche in Italia il testo non è sempre lo stesso, sebbene in linea di massima il significato delle parole sia quello, ovvero la buonanotte al piccolo che nel suo sonno sarà protetto dagli Angeli, e nei suoi sogni vedrà il Paradiso e il Bambin Gesù, che accompagneranno dolcemente il suo sonno.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!