L'incredibile cartoon giapponese sul bombardamento nucleare di Hiroshima

La seconda guerra mondiale è stata la più sanguinosa della storia. Decine di milioni di giovani militari, ma anche milioni di civili, hanno pagato con la vita la follia dei governanti. E se Hitler era un demonio, anche gli altri non erano certo migliori. Non possiamo dimenticare le atrocità commesse dagli eserciti coloniali. Le potenze occidentali in quell'epoca si spartivano le nazioni del terzo mondo, ricche di materie prime, a loro piacimento.

Uno degli episodi più caratterizzanti della seconda grande guerra, è stato il bombardamento nucleare eseguito sulle città di Hiroshima e Nagasaki, dove sono morte, immediatamente, oltre 200.000 persone, e almeno tre o quattro volte tanti, sono morti a causa dell'esposizione alle radiazioni, nel ventennio successivo. Ancora oggi quel bombardamento produce malattie: poi ci ha pensato la tragedia di Fukushima ad innalzare ulteriormente la quantità di radiazioni presenti nell'ambiente.

Ogni anno commemoriamo l'Olocausto ebraico: affinché non si ripeta mai più. E questo è giusto. Quello che non si capisce (anzi: si capisce benissimo...) è perché su avvenimenti come lo sgancio delle bombe nucleare su due grandi centri urbani non sia oggetto di dibattito.

Ormai è socialmente accettato che fosse "un male necessario per fermare il conflitto" e nessuno osa metterlo in dubbio. Ma era davvero necessario bombardare centri urbani? Non poteva essere data prova di forza distruggendo siti meno popolati? Non bastava demolire una città? Era necessario bombardare anche una seconda città? Questi sono gli interrogativi che dovrebbero porsi i revisionisti storici.

Ecco il cartone animato giapponese che ricostruisce il bombardamento della città di Hiroshima, dove centinaia di migliaia di persone morirono sul colpo, in modo molto brutto.
Autore veritanwo
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!