Natale di Charlie Brown (Significato del Natale)

Natale! Si può sapere però cos'è il Natale? Epica e pronta la risposta che ci arriva dal personaggio fumetto Linus nella serie animata 'Charlie Brown', ideata dall'autore statunitense Charles Monroe Schulz intorno agli anni cinquanta e conclusasi, come volle il fumettista, alla sua morte, che avvenne nel 2000.

In questo piccolo estratto da 'A Charlie Brown Christmas', messo in scena nel Dicembre 1965 dalla casa di produzione statunitense Warner Bros., l'enigmatico e problematico Charlie Brown manifesta una specie di depressione natalizia e il bisogno di aiuto, supporto psicologico e risposte, che non facilmente gli vengono soddisfatti e neanche a gratis. Quali depressioni o paure lo affliggono? A dire il vero, si apre con Lucy per dirle, la sua angoscia gli viene dal non riuscire a capire il Natale, arrivando a sentirsi completamente giù di morale anziché felice. Per renderlo attivo in un qualche scopo che possa un po' sollevarlo viene così immediatamente coinvolto nella regia della recita di Natale.

Tuttavia ancora e anche in questa circostanza Charlie Brown ricerca e riceve opinioni molto altalenanti sull'argomento dai suoi amici e in generale. Questi si sentono tristi e avviliti tutti gli anni a Natale perché per esempio non ricevono nulla che soddisfi i loro desideri ambiziosi anche al di là di quelli che possono essere i consueti, ordinari giocattoli.

Anche il suo cane Snoopy è tutto intento ad addobbare la sua cuccia, attratto da un concorso pubblicitario che promette tanti soldi a chi propone il miglior addobbo natalizio della casa, tutto ciò finisce ancora per mettere in primo piano altro piuttosto che il vero senso del Natale. Dove tutto è ridotto a un affare commerciale.

Finanche la sorellina Sally finisce per sgomentare Charlie con la richiesta di scrivere per lei a Babbo Natale chiedendogli direttamente dei soldi in pezzi da dieci e da venti.

Torniamo alla recita. Deciso a voler procurare un albero per l'occasione, tutti lo prendono in giro attizzati dallo sconcerto quando Charlie si presenta tutto fiero con il suo piccolo albero di legno, avendolo scelto tra altri mille ultra moderni, fatti in sconcertante metallo, freddi grandi alberi di alluminio in spirito con il cosiddetto Natale moderno. Cosicché si avvilisce di nuovo perplesso, convinto di non farne una giusta, da non riuscire a farsi una ragione di cosa sia lo spirito natalizio. Finché urla: "C'è qualcuno che sa dirmi cos'è questo Natale?".

A questo punto, "certo Charlie Brown posso dirti io cos'è il Natale", risponde attento il suo amico Linus, che si avvia verso il sipario con la sua inseparabile coperta e ad alta voce rammenta i fatti accaduti la Notte di Natale di ormai oltre 2000 anni fa, quando un angelo del Signore apparve ad alcuni pastori, che vegliavano all'aperto di guardia sul loro gregge, per annunciare la Nascita deL Salvatore, Gesù Cristo Signore, per grande gioia di tutto il popolo, indicando dove e come Lo avrebbero trovato, e subito dopo una moltitudine celestiale lodava Dio dicendo: "Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace sulla terra agli uomini, che Egli Ama".

Finito di proclamare dal Nuovo Testamento (Luca 2,8-14), Linus torna quindi da Charlie e gli dice "ecco cos'è lo spirito natalizio Charlie Brown". Charlie a questo punto soddisfatto, sorride, prende il suo albero e lo porta via di scena, attraversa la distesa di neve sotto le stelle, e tutti gli altri appresso. Mentre, fermatosi, un'eco sembra risuoni ancora nella notte: "Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo. Oggi, nella città di Davide, E' Nato per voi Un Salvatore, Nostro Signore Gesù Cristo".

Charlie ora salta tutto contento, ora è convinto, "Linus ha ragione, niente potrà rovinare il mio Natale, addobberò questo piccolo albero e dimostrerò che è perfetto per la nostra recita". 

Certo il suo simpatico, sbadato cane Snoopy avrà vinto alla fine il primo premio del miglior addobbo della casa, ma dirà Charlie, "non si può affermare il mio cane abbia il giusto spirito natalizio". Alla fine volendo addobbare il suo alberello con quegli addobbi così enormi quasi lo distrugge finendo di nuovo coll'avvilirsi. Finalmente Linus e anche il resto dei suoi amici gli danno una mano addobbando l'albero e intonando canti di Natale. Sorpresa delle sorprese, che succede Charlie, adesso è Natale, il coro si leva alto fino in Cielo!

Buon Natale!

Autore eclidor
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!