"Ehi oh!" - La Canzone dei Sette Nani

Quando si parla della favola di Biancaneve, generalmente quello che ci interessa è la sua storia con il Principe Azzurro, e molto spesso cadono in secondo piano personaggi che invece sono di rilievo, e che sono fondamentali per la storia stessa.

I Sette Nani, ad esempio, non sono messi lì a caso, per salvare la nostra Biancaneve dal Cacciatore e dunque dalla Strega cattiva, una delle matrigne più malvagie delle favole, ma rappresentano anch'essi un esempio educativo per i bambini. Infaticabili lavoratori, da mattino fino a sera, non si stancano mai ed anzi lavorano ben volentieri, ne sono addirittura felici, offuscando la fatica mediante il sorriso e l'allegria, trasformando il lavoro in gioco e cantandoci su pure qualche canzoncina spensierata.

Nel film della Walt Disney (1937), questo aspetto viene ampiamente evidenziato in una scena piuttosto lunga, proprio per rimettere in risalto la loro opera e il ruolo fondamentale che questi adorabili nanetti hanno per l'educazione dei bambini. Ogni cartone, così come ogni favola, nasconde molti messaggi importanti, seppur camuffati con lo scopo d'intrattenere, di deliziare e divertire, e il più delle volte non leggiamo questi messaggi, prendendo magari con superficialità le storie raccontate e/o animate che ci vengono proposte.

Del resto, ciò che attira la nostra attenzione è il lato romantico delle storie, il sogno, ma oltre a sognare dovremmo anche dar importanza a valori pratici e basilari che fanno parte della nostra vita.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!