10 Segreti presenti nei Cartoni Dei Simpson che non conoscevi

Il vastissimo mondo dei Simpson è ricco di particolarità e segreti a volte ben camuffati e a volte anche in un singolo episodio sono così tanti che non ci si fa caso. Si parte dalla sigla e in particolare il prezzo di Maggie, la bimba con il ciuccio che viene passata allo scanner; tale prezzo era mensilmente il costo di un bambino per le famiglie americane nel lontano 1989.

Un'altra particolarità è la totale libertà di azione che il produttore del cartone animato a richiesto all'emittente Fox, tale clausola firmata regolarmente permette ai creatori dei Simpson di lanciare spesso e volentieri frecciatine al loro network. Altro segreto è il secondo nome di Milhouse (l'amico di Bart) che è Mussolini, infatti la nonna materna del bambino si chiama Sofia Mussolini.

Vi sono poi i cameo delle star e si parla di più di 600 personaggi famosi introdotti nella serie; il personaggio di Homer è praticamente ovunque anche nel mondo reale sotto forma di gadget di ogni tipo. Anche il misterioso codice A113 che appare in diversi film Disney è inserito nel cartone di Matt Groening, soprattutto sui personaggi di Krusty il Clown e di Bart quando questi furono arrestati; questo codice sembra sia l'aula di un istituto di Arte in California in cui diversi animatori hanno imparato questo lavoro.

Le esclamazioni di Homer sono ormai di uso comune tanto che il famoso "D'oh" è stato inserito nel dizionario di Oxford. L'autore dei Simpson Matt Groening ha inserito molto della sua famiglia nella serie dei Simpson, a cominciare da suo padre Homer e dalla madre Margaret (Marge) per esempio. Interessante anche i riferimenti matematici che non sono casuali ma ben studiati. La carrellata finisce con il personaggio Waylon Smithers che nei primissimi episodi aveva una colorazione diversa della pelle a causa di un errore tecnico.

Autore jeronta17
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!